La scuola, una Biblioteca, una Rete

Un successo, ma soprattutto una soddisfazione per il mondo dell’Istruzione, l’inaugurazione della Biblioteca Innovativa all’International Campus Patrizi Baldelli Cavallotti di Città di Castello che ha saputo trasformare le restrizioni imposte dal Covid,  in opportunità nuove.

Forti di una squadra competente e motivata guidata dalla Dirigente Marta Boriosi, le tre scuole tifernati sono scese in campo riuscendo a trasformare la scuola in uno studio televisivo dove si sono messi in gioco, sia in presenza che online, docenti, tecnici, studenti e professionisti. Un taglio del nastro fortemente voluto dopo il traguardo  raggiunto dall’istituto, di Polo per l’Inclusione prima, e di scuola capofila per la nuova rete di Biblioteche digitali innovative ora.

Un obiettivo che la scuola inseguiva da tempo e che ha voluto condividere  non solo con autorità ed istituzioni presenti all’evento, ma con la città e tutta la sua popolazione scolastica. Una cerimonia originale e partecipata che ha ricevuto il plauso sia dell’assessore regionale Paola Agabiti che di Sabrina Boarelli dell’Ufficio Scolastico regionale collegate online alla diretta.

Presenti l’assessore alle politiche scolastiche Rossella Cestini e i consiglieri regionali Michele Bettarelli e Valerio Mancini che hanno portato il loro contributo riallacciandosi ai temi fortemente attuali e su cui la scuola è chiamata a dare una stretta come inclusione e cittadinanza. Obiettivi che la scuola si è prefissa partendo dalla sensibilizzazione alla lettura ed includendo, grazie al progetto “Lib(e)ri tutti”, tutte le fasce più deboli che soltanto con la potente arma della cultura possono far sentire la propria voce.

Una sfida raccolta che ha permetterà di mettere a disposizione di studenti e cittadini un immenso patrimonio digitale e non solo, supportato da dibattiti ed eventi culturali che sarà possibile realizzare.

Un’impresa resa possibile dalla squadra ma anche dalle preziose collaborazioni che l’International Campus ha saputo tessere sia con le altre scuole della rete, da Perugia, Trestina, Città di Castello e  fino alla vicina San Giustino, sia con le professionalità del mondo culturale e scolastico locali, come i docenti dell’indirizzo musicale della scuola Alighieri-Pascoli che hanno accompagnato i versi recitati in musica d’autore.

E per citare il filosofo Umberto Galimberti, una delle personalità culturali attuali che ha trovato spazio anche in questo evento, “I libri salveranno il mondo”? L’International Campus Baldelli Cavallotti, ha risposto sì.

Pubblicata il 21 dicembre 2020

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.