Lettera della dirigente agli studenti

Cari ragazzi,

il mio pensiero in queste poche righe per gli auguri di Pasqua  si rivolge a voi: dopo lo sconcerto per quanto sta accadendo, dopo la convulsa riorganizzazione di una didattica nuova, dopo tanti giorni di distanza fisica e di grande sforzo per la nostra tenuta psicologica, chiudete i vostri PC, tablet o smartphone, fermatevi un attimo con la vostra famiglia e con chi amate e vivete un momento intenso di sentimenti e di forte speranza che insieme ne verremo fuori più forti e consapevoli di prima. Non rincorriamo il miraggio che tornare alla vita di prima sia realmente la cosa giusta, pensiamo a come, in realtà la vita di prima avesse tanta bellezza inconsapevole ma anche qualche errore, errori come la mancata consapevolezza del nostro essere natura e non puro artificio, l’essere convinti che solo l’economia potesse reggere le sorti della nostra e della vita del mondo, che solo il possesso, l’"avere" potesse renderci felici … In questo momento tragico e paradossale abbiamo scoperto che la nostra vita è relazione, che la nostra fragilità si fa forza con la fragilità di chi ci cammina accanto, abbiamo scoperto che  inclusione, comunità e valori sociali sono le vere pietre miliari della nostra vita. Torneremo alla “normalità” – sapete, tuttavia, quanto questa parola non mi piaccia perché non ne capisco il senso e la direzione- ma il mio augurio più forte è che sia una nuova “normalità”, più sincera, più intensa e più carica del volto bello della nostra umanità.

Pubblicata il 10 aprile 2020

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.